sabato 29 settembre 2012

Perchè evitare le persone che usano nel loro linguaggio parolacce e bestemmie

turpiloquio: qualcosa non va.
Il Dalai Lama ci insegna che pensieri, parole e atti gentili, generosi, benevoli ci portano la felicità e ogni forma di benessere. D'altro canto pensieri, parole e atti di rabbia, prepotenza e violenza ci portano a vivere personalmente esperienze negative e spiacevoli.

D'altro canto è esperienza comune che a tutti noi piace avere a che fare con persone gradevoli o perlomento 'tranquille'. La vita è più facile e noi ci sentiamo meglio.

C'è un senso più sottile (se vogliamo più esoterico) che collega il nostro tipo di emozioni con le nostre esperienze. Grosso modo ci possiamo collegare con la legge d'attrazione o con il criterio dello specchio (che tratterò in un prossimo post) proprio del buddhismo.

Nel linguaggio che moltissime persone usano ci sono segni di questo pensiero negativo, rabbioso e violento, sia pure in maniera strisciante. Mi riferisco alle parolacce, al turpiloquio.

L'uso di rafforzativi come 'cazzo' imprimono alla frase un timbro smaccatamente aggressivo. "Che stai facendo?" è una domanda che può avere diverse connotazioni in base al tono della voce. Ma "Che cazzo stai facendo?" indica un'atteggiamento di condanna a priori. Si delinea cioè come un attacco all'altra persona.

Persino quando la parolaccia è usata in un ambito scherzoso, c'è un sottinteso aggressivo che non sfugge all'incoscio di chi riceve il messaggio.

L'intercalare di parolacce (o peggio ancora di bestemmie) denota una comunicazione viziata da emozioni negative e alla lunga l'interlocutore finisce per captare queste sensazioni. Spesso ciò coincide con il sentirsi a disagio.

Le bestemmie sono - in più rispetto alle parolacce - un palese attacco alle credenze della maggior parte delle persone e mirano intenzionalmente a farle sentire in forte imbarazzo.

Evitare le persone che usano il turpioquio non è una questione di moralismo, ma una necessità per mantenere il giardino della propria mente libero da erbacce infestanti. Fuor di metafora serve a mantenerci lontano da energie che ci possono danneggiare.

Nessun commento :

Posta un commento