martedì 1 ottobre 2013

Cosa succede quando si muore?

Credenze

E' una domanda che tutti ci siamo posti e a cui non sappiamo dare una risposta certa. Si entra qui nel campo delle convinzioni profonde, nella sfera della Religione.

C'è chi immagina che ci sia il Giudice Supremo che ammetterà l'anima alle gioie del Paradiso o ai tormenti dell'Inferno, a seconda della condotta in vita.

Altri pensano che l'anima dovrà reincarnarsi e tornare sulla terra per 'ripulire' il karma negativo accumulato in vita

Altri ancora - fra i quali mi collocavo anche io, anni fa - sono convinti che non ci sia semplicemente nulla: con la morte finisce tutto, come quando si spegne la luce. Fine.

Questo è il punto di vista degli atei, dei positivisti, dei materialisti in genere. La gran parte degli scienziati ricade in questa categoria. Non c'è niente di male in questa posizione, purchè non sia connotata da fanatismo e chiusura mentale.

In base a numerose esperienze di vita mi sono via via fatto una convinzione diversa: ci sono fenomeni inspiegabili ma sicuramente reali come la telepatia, la chiaroveggenza, l'intuito e molti altri. Più che inspiegabili... direi inspiegati. Gli scienziati (salvo casi rari) non se ne vogliono occupare - perchè non riescono a farli rientrare all'interno del loro sistema di credenze - e quindi li negano a priori.

Tutti questi fenomeni indicano che esiste qualcosa al di là di quanto possiamo percepire con i nostri (molto limitati) cinque sensi.

In questo articolo voglio parlare del fenomeno detto NDE (Near Death Experience, ovvero esperienze in prossimità della morte). Si tratta dei racconti di coloro che sono stati "più di là che di qua". Persone rianimate in extremis e considerate morte per un breve lasso di tempo.

Una persona a me molto vicina ha avuto un'esperienza di OBE (Out of Body Experiences, esperienze fuori dal corpo). Un mio caro amico viceversa ha avuto un esperienza NDE, come ha raccontato nel suo blog.


Si tratta di persone che hanno avuto una seconda possibilità. In generale il loro atteggiamento verso la vita è ben diverso rispetto a prima di questa esperienza estrema: si rendono contro dell'importanza dell'amore verso gli altri e il loro atteggiamento è improntato a saggezza e ad elevazione morale e spirituale.
C'è una grande nostalgia per quella Dimensione e scompare la paura della morte.

I racconti di coloro che sono stati al di là


Fuori dal Corpo

Nell'attimo in cui si muore la persona esce dal suo corpo e lo vede dall'esterno. Spesso non si accorge di essere trapassata... e prova stupore per questa insolito punto di vista. In caso di morte improvvisa e accidentale, apprende della propria morte da coloro che accorrono nel luogo dell'incidente.

L'uscita dell'anima dal corpo si ha anche da vivi, quando si verificano le OBE.

Il Tunnel e Poi la Luce

C'è un Tunnel da attraversare. La persona si trova invogliata ad attraversarlo. Alla fine c'è una luce fortissima, che dispensa grande amore e grande gioia... non ci sono più le cognizioni di spazio e tempo.

Spiriti guida

L'anima incontra in questa nuova dimensione i propri cari precedentemente defunti e altri spiriti: tutti sono ansiosi di dare conforto e assistenza al nuovo arrivato. La comunicazione è telepatica e improntata a grande benevolenza.

La rassegna della vita

La vita appena trascorsa viene a questo punto visionata in tutte le esperienze fatte. Tutte insieme contemporaneamente e tutte nel dettaglio. Un materiale molto vasto. La persona qui capisce le cose che  ha fatto bene e dove ha sbagliato.
Non c'è nessun giudizio, nessuna condanna, solo una grande amorevole comprensione.

Tutto Ciò che E' (Dio)

La persona è costantemente consapevole dell'Essere Infinito, che dispensa Amore incondizionato. Un'esperienza sublime, qualunque descrizione con parole è sentita come largamente inappropriata.

La Scienza

La Scienza del XXI secolo sembra più aperta a questi argomenti (almeno nel mondo anglosassone).  Il dottor Sam Parnia sta conducendo da diversi anni degli studi sui casi di 'resurrezione' su persone dichiarate morte e poi resuscitate. Il resoconto in quest'articolo apparso su Panorama. Pare che la conclusione sia che la Coscienza sopravvive alla morte... ma va?!!!

Nessun commento :

Posta un commento